riflessioni sull'addormentamento dei bambini

Davvero le maestre pensano che una mamma che addormenta il suo bambino nel lettino, raccontandogli una storia, parlando della giornata trascorsa, dicendo una preghierina, sia una mamma antagonista delle maestre?

Ho letto alcuni degli ultimi libri scritti dal pedagogista italiano Daniele Novara e devo dire che ricordo con grande piacere in particolare il testo della casa editrice Erickson “Litigare con metodo. Gestire i litigi dei bambini a scuola.”
Per questo motivo, appena mi è arrivata per posta la mia copia della ” Vita scolastica” del mese scorso , sono andata con piacere a leggere un suo articolo. Sono rimasta parecchio spiazzata dalle sue parole, in particolare quando fa riferimento al metodo di addormentamento dei bambini. In pratica l’articolo di Novara sottolinea che una mamma che fa addormentare il proprio figlio nel lettone o che va nel lettino con lui per l’addormentamento è una madre invadente a scuola. Sarà che vengo colpita sul vivo, ma non riesco proprio a trovare il nesso tra le due cose. Se dopo una giornata intera di lavoro fuori casa, mi infilo nel letto del mio bambino e ci leggiamo insieme una storia o ci raccontiamo a vicenda quello che è successo durante la giornata sono una ” Super mamma narcisista, a livello scolastico molto ingombrante”?
Ci indigniamo quando sentiamo dire che i genitori utilizzano Alexa per leggere le fiabe ai loro figli e poi lasciamo che un pedagogista scriva che dovremmo, dopo una giornata intera senza vedere i propri figli, lasciarli addormentare nel loro letto da soli. Allora mi domando: perchè sto facendo tanta fatica quando basterebbe mandarlo a letto e chiedere ad Alexa di addormentarlo? 

Leave a Comment